Considerato che al sostantivo studium il dizionario latino recita: “applicazione, passione, amore, ardore, desiderio” e che il verbo studeo vuol dire anche “desiderare” o “prendersi cura”, la parola studiare assume un sapore nuovo nella mia bocca, distante dall’amaro gusto della costrizione, per anni succhiato da una caramella che di altro pareva non potesse sapere, ma molto più vicino all’idea di amore fisico, di amplesso.

Pensandoci con attenzione non può che essere così, vista la strettissima connessione fra conoscenza e amore: solitamente, studi con più slancio le cose che ami e allo stesso modo, quando ami qualcosa, la vuoi conoscere a fondo. Così, più specificatamente, quando sei innamorato di qualcuno lo vuoi conoscere e conoscere, nella Bibbia, significa “amoreggiare”. Che meraviglioso cerchio rivelatore!

Ingannati per anni dalla pragmatica accezione che ha ingabbiato i nostri sogni, apparentemente e inevitabilmente legata a doppio maglio al termine soffrire (dal latino sub [sotto] e fèrre [portare], “portare un peso”), possiamo viverne l’accezione più pura e genuina e liberare senza remore il desiderio di essere finalmente noi stessi, alimentando e ottimizzando il nostro potenziale.

Perché, se studiare vuol dire “amare” e scuola vuol dire – ancora più incredibilmente – “riposo, ozio, tempo beato lontano da ogni fatica e preoccupazione” (dal greco scholé, il cui equivalente latino è otium, “agio, riposo”), è chiaro che abbiamo tristemente perso qualcosa nel corso del tempo, qualcosa che io credo essere recuperabile, se solo lo volessimo, se solo ci predisponessimo.

1 1.35 K

One thought on “Studiare vuol dire amare!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  1. Anonymous 7 anni ago

    Pensiamo di conoscere qualcuno quando sappiamo tante cose su di lui. le sue abitudini, i suoi gusti…invece la conoscenza è ben altro, è scoprire in cosa l'altro crede! E per farlo sugli altri è indispensabile farlo su di se! dedicato a chi cerca in profondità.